Il Nodo Onlus | Archivio vecchi articoli
223
archive,category,category-archivio,category-223,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Archivio vecchi articoli

IMG_9722 Kantha Phavi, ministro cambogiano per gli Affari Femminili, a CAM-Inter Fair 2015 – il salone della piccola e media industria che si è tenuto al Koh Pich Convention and Exhibition Center di Phnom Penh dal 27 al 29 marzo. Kantha Phavi si è soffermata presso lo stand Il Nodo e ha apprezzato le collezioni di oreficeria della Bottega dell'Arte.

IMG_8235 In Bottega Heang cerca spiegare il suo disegno ai compagni. E’ stato difficile passare da una grande struttura come lo Stadio Olimpico a un disegno su carta. Heang ha lasciato la scuola dopo la settima, solo in Bottega ha cominciato a disegnare, ma il maestro di disegno insegna a copiare e lui non sapeva bene da che parte cominciare a mettere su carta quello che aveva visto. Dorothée ha dato a tutti una cornice, un rettangolo di cartoncino per inquadrare un particolare, isolarlo e renderlo più facile da disegnare.

DSC_0317 Vann Molyvann? Non ne avevo mai sentito parlare ma Dorothée dice che è molto conosciuto anche all’estero. Lo Stadio Olimpico l’ho visto tante volte passandoci col motorino, ma non mi era mai sembrato così speciale.  Thai Rottana nonostante non sappia nulla di Vann Molyvann segue con interesse le spiegazioni di Dorothée, questa straniera che gli mostra edifici della sua città che non aveva mai notato prima.

IMG_8701 Rossella Tornquist, Patrizia Scarzella, Denise Bonapace, Valentina Downey, Paola Lenti, Kaori Sheena e Riccardo Nardi, ormai è diventato lungo l’elenco dei designer interessati al nostro lavoro e che vorrebbero seguire l’esempio di Renzo, che per primo è venuto in Cambogia ad insegnare ai ragazzi della nostra Bottega, ma le difficoltà logistiche, i molti impegni di questi professionisti di successo, rendono sempre difficile per loro l’allontanarsi dal posto di lavoro per un periodo che necessariamente non può essere breve.

Schermata 2015-03-03 alle 14.41.10 M arriva a scuola pedalando la sua bici appena riparata con l’aiuto de Il Nodo. Per raggiungere la scuola deve pedalare per due ore. E’ brava a scuola e non è mai mancata neanche quando aveva la bici rotta. Trovava sempre il modo di farsi portare da qualche compagno pedalando a turno.

Schermata 2015-03-03 alle 14.56.52 N arriva a scuola scalza, per raggiungere la scuola ha camminato mezz’ora nei campi a piedi nudi. Non ha più le scarpe che Il Nodo le aveva dato all’inizio dell’anno scolastico. Qui si entra ovunque lasciando le calzature fuori dalla porta e le sue sono scomparse. E’ un problema ricorrente e abbiamo sempre con noi delle scarpe di scorta, per fortuna un paio sono della sua misura.

IMG_6484 In classe c’è un solo libro di testo ma le pareti dell'aula sono tappezzate di manifesti didattici che insegnano i principi fondamentali della cultura locale, come la posizione delle mani giunte nel saluto: all’altezza del cuore per salutare gli amici all’altezza della bocca per salutare i superiori, all’altezza della fronte per salutare i monaci e sopra la testa per pregare.