Il Nodo Onlus | Bambini dietro le sbarre
16834
page-template-default,page,page-id-16834,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Bambini dietro le sbarre

Grazie all’aiuto de Il Nodo, oggi i bambini che nascono nelle case di detenzione cambogiane hanno la possibilità di vivere sani e vivaci la loro infanzia, grazie ad un’alimentazione corretta, assistenza sanitaria e stanze di gioco/studio.


La foto mostra il prima e dopo di una delle prigioni in cui ha lavorato e lavora Il Nodo.

Nelle case di detenzione cambogiane si trovano molti bambini che non hanno alternativa a vivere in carcere con la mamma detenuta. Le madri ignare dei loro diritti partoriscono in cella, non chiedono la registrazione dei figli nati in carcere e i bambini non hanno accesso ad alimentazione, sanità, vaccinazioni.

Il progetto garantisce alle gestanti il parto in ospedale e ai bambini la registrazione al programma nazionale di vaccinazione, oltre a corretta alimentazione, assistenza sanitaria e condizioni igieniche adeguate a puerpere e neonati. Nelle case di detenzione con la popolazione infantile più numerosa Il Nodo ha costruito stanze gioco-studio dove i piccoli possono passare la giornata fuori dalla cella con un’assistente.

Le condizioni dei bambini che vivono in carcere sono cambiate: sono sani, ben nutriti e vivaci come tutti i bambini dovrebbero essere. Mamme e bambini vivono in un ambiente più stimolante, bevono acqua pulita, mangiano alimenti nutrienti e, in caso di bisogno, hanno accesso a cure e medicine.